Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Le api isolano il polline con i pesticidi
[Torna all'indice generale]
  
Le api sentinelle dell’ambiente? Non solo, anche “spazzine”: isolano tra i rifiuti il polline con presenza di pesticidi.

Che le api fossero sentinelle dell’ambiente si sapeva, che fossero anche spazzine no. A fare la scoperta sono stati Jeffrey Pettis, Direttore del laboratorio di ricerca sulle api del Dipartimento Americano dell’Agricoltura e Dennis van Engelsdorp della Penn State University. Le api, secondo questa ricerca, riescono a individuare i residui di pesticidi nel polline che portano con sé all’alveare e li separano dal resto della colonia per non contaminarla. Il polline contenente i pesticidi finisce così in caselle dell’alveare che vengono chiuse con il propoli ed il cui contenuto non viene mangiato. I due ricercatori hanno rivelato che le api sono in grado di riconoscere un fungicida e due insetticidi utilizzati per uccidere acari parassiti dell’alveare e dopo averli isolati li “inumano” in alcune caselle che vengono poi chiuse con il propoli perché il loro contenuto non venga consumato. Pettis ha svelato i risultati della sua ultima scoperta a Londra nel corso di un incontro con il Gruppo parlamentare sulla Scienza e la Tecnologia nell’Agricoltura. Lo scienziato è famoso per il suo studio sull’imidacloprid - il più diffuso pesticida della famiglia dei neonicotinoidi, prodotto dal gigante farmaceutico Bayer – sospettato di rendere le api più esposte al rischio di contrarre un parassita unicellulare chiamato nosema (in realtà, il sistema immunitario delle api viene indebolito dall’attacco di virus e altre patologie, dunque l’insetto è più esposto all’azione dei pesticidi. Anche perché se sono in grado di isolare i pesticidi non si capisce perché, poi, muoiano a causa della loro azione, ndr), una delle cause del declino globale del numero di api.
 
(by Winenews)