Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Il miele in cucina
[Torna all'indice generale]
  
NASCE IL PRIMO CONCORSO NAZIONALE ENOGASTRONOMICO
Un progetto che guarda al futuro, rivolto alle classi terze e quarte degli Istituti Alberghieri Professionali dei territori de Le Città del Miele, che ha lo scopo di far conoscere e riscoprire il miele come ingrediente a tutto tondo, fuori dallo stereotipo di dolcificante naturale per bevande o dessert.

Il miele è un prodotto che si presta, storicamente, a molti usi in cucina e, come tale, va considerato e riscoperto. Questa la sfida lanciata da Le Città del Miele che hanno dato vita al Concorso Nazionale Enogastronomico “Il Miele in Cucina”.

La prima edizione (anno scolastico 2010/2011) si concentrerà sul tema pasta fresca, pasta secca, e coinvolgerà le classi terze e quarte degli Istituti Alberghieri Professionali presenti sui territori de Le Città del Miele. La prima gara si terrà a Châtillon dal 29 al 30 ottobre 2011 nella sede dell’Istituto Professionale Regionale Alberghiero.

Il Concorso prende le mosse dall’annuale manifestazione di Châtillon dedicata al miele, nel corso della quale è sempre stata presentata, dall’Istituto Professionale Regionale Alberghiero, una cena con menu a base di mieli. Una tradizione, quella del ‘miele in tavola’ nelle Città del Miele espressa a partire da Ghemme (Novara) nel 2003, seguita poi dalle esperienze di Foligno (Perugia), Sortino (Siracusa), Calice al Cornoviglio (La Spezia), Matelica (Marche) e Lazise (Verona). Fondamentale per Le Città del Miele è l’aver tradotto le singole iniziative in obiettivo collettivo.

Lo scopo del Concorso è duplice: da una parte rinnovare e rilanciare la millenaria tradizione italiana dell’uso del miele in gastronomia che trova le sue origini nell’antichità, passando per il Medioevo e conoscendo il suo massimo splendore nel Rinascimento; dall’altra, incentivare le nuove generazioni di cuochi professionali, alla (ri)scoperta del miele come ‘ingrediente innovativo’, contribuendo a valorizzare, consolidare e sviluppare l’economia turistica dei territori legati ai mieli italiani, con le loro tradizioni culinarie regionali e i prodotti tipici dell’enogastronomia locale.

Il Concorso esprime al meglio la filosofia dell’Associazione delle Città del Miele, che si propone, in sintesi, di promuovere i valori storici e di tradizione dei territori che danno identità ai grandi mieli italiani; valorizzare il patrimonio costituito dalle cucine tradizionali regionali italiane; favorire il dialogo con le nuove generazioni di operatori del settore per caratterizzare l’offerta turistica dei territori delle Città del Miele; offrire un supporto all’apicoltura italiana, sostenendo l’immagine dei mieli; promuovere la collaborazione tra le Città del Miele affinché l’obiettivo condiviso della crescita economica territoriale si sviluppi considerando strategica la vocazione a tutelare la qualità e la diversità ambientale di cui le api stesse sono testimoni.
 
(by Ufficio stampa Le Città del Miele)