Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Scoperta nuova specie di ape in Turchia
[Torna all'indice generale]
  
Api che fanno il nido con i petali dei fiori per sfuggire agli attacchi dei nemici. Stiamo parlando dell’Osima Avoseta: l’ultima specie scoperta, per caso, nelle lande rocciose della Turchia, dai ricercatori dell’American Museum of Natural History. Attirati da alcune buche colorate nel terreno, durante il corso di altri esperimenti scientifici sul territorio, gli studiosi americani hanno avuto la possibilità di osservare anche una particolare specie di ape, mai classificata prima d’ora, capace di sfruttare tutta la fantasia della natura per mettere al sicuro i piccoli dagli attacchi dei predatori.

La particolarità di questo curioso imenottero, infatti, è l’abilità di costruire, con petali e fango, dei rifugi simili a ditali colorati e di conficcarli nel terreno per proteggere le larve durante la stagione invernale. Ogni femmina della specie può creare fino a dieci architetture floreali il giorno e dar vita a dei veri e propri paesaggi colorati nelle profondità del sottosuolo turco. Un’operosità necessaria per salvaguardare la prole dalle vespe che spesso distruggono il nido delle api per costruirci il proprio. “Un comportamento insolito e bizzarro per questo tipo d’insetti - asserisce Aulo Manino, docente di entomologia all’Università degli Studi di Torino. La ragione? Per la costruzione del nido, infatti, le api utilizzano soltanto parti vegetali ritagliate e mai porzioni intere di fiori. Anche in Italia, ad esempio, la nostrana e operosa Megachile rotundata nidifica nelle cavità legnose ma adopera soltanto i pezzi delle foglie”.
Megachile rotundata è un Apoideo solitario originario forse della regione mediterranea e del Medio Oriente. E’ stato introdotto accidentalmente in Nord America negli anni ‘30 e si è insediato in breve tempo nelle regioni aride del Mid-west nordamericano e del Canada. Dal 1960, questa specie è allevata con successo come impollinatore di trifoglio e erba medica in Canada e Stati Uniti. M. rotundata è una specie generalmente monovoltina, ma in Nord America il 10-20% della progenie sfarfalla nella stessa stagione. Questi costituiscono la cosiddetta generazione estiva. Subito dopo la fuoriuscita dal bozzolo maschi e femmine si accoppiano. Le femmine, dopo essersi nutrite per qualche giorno, costruiscono il loro nido in cavità e/o anfratti. Tagliano pezzetti di foglie di erba medica o di altre piante con le loro mandibole e li dispongono a mo’ di coppetta in fondo alla cavità. Riempiono poi questa coppetta con nettare e polline fino a 2/3 e vi depongono un uovo, sigillando il tutto con 2-3 ulteriori pezzettini di foglie. Successivamente costruiscono un’altra celletta sopra la prima e ripetono la procedura fino a che non giungono alla fine della cavità. L’entrata della cavità stessa viene tappata con uno spesso strato di pezzettini di foglie circolari (fino a 50)… (Apitalia, ndr).
 
(by Libero News - Carlotta Clerici)