Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Scoperto il segreto delle proprietà antibatteriche del miele
[Torna all'indice generale]
  
Il sito italiano di American Scientific riporta l’ultima scoperta fatta sul miele da un gruppo di ricercatori dell’Academic Medical Center di Amsterdam. Gli scienziati sono riusciti a identificare il principio che gli conferisce le ben note proprietà battericide

Da millenni si sapeva dei benefici che il miele riveste per la salute, ma non si sapeva come esplicasse la sua azione. Ci sono riusciti i ricercatori dell’Academic Medical Center di Amsterdam: hanno scoperto che le api producono la Difensina 1, una proteina che aggiungono al miele e che potrebbe essere efficacemente utilizzata per proteggere dalle infezioni le ustioni, trattare le infezioni dermatologiche e sviluppare nuovi farmaci in grado di combattere le infezioni resistenti agli antibiotici.

Il che non sarebbe nulla di nuovo, visto che le proprietà terapeutiche del miele erano già largamente utilizzate nell’antichità, soprattutto nell’Antico Egitto. Si legge nel papiro “Edwin Smith” (un antico trattato di medicina acquistato da Smith a Teben, nel 1862, e conservato presso la Rare Book Room, New York Academy of Medicine): “Se esaminassi un uomo con una frattura delle ossa del naso e una ferita infetta che giunge fino all’osso […] Si dovrà pulire la ferita con dei tamponi di lino […]. La cute lacerata dovrà essere fasciata con grasso e miele ogni giorno fino a completa guarigione”.

Come succede? Quando le api prelevano il nettare dai fiori, lo trasformano all’interno di una sacca del loro apparato digerente e lo immagazzinano nei favi degli alveari per usarlo come nutrimento per le larve e come riserva di cibo per la stagione fredda. E tanto altro. Secondo il nettare di cui si cibano le api producono diversi tipi di miele. I più conosciuti sono il miele di acacia, di lavanda, di erba medica, di castagno, di eucalipto e di tiglio, solo per citarne alcuni. Come detto, già nelle antiche civiltà il miele era considerato ben più che un alimento. Gli si attribuivano capacità terapeutiche e magiche, era largamente impiegato per curare malesseri, ferite, bruciature e infezioni della pelle. I Sumeri usavano mescolarlo con argilla, olio di cedro e acqua per farne maschere di bellezza.
 
(by Apitalia)