Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Arriva la prima etichetta di miele in “braille”
[Torna all'indice generale]
  
Il prodotto è stato presentato nel corso di una due giorni di sensibilizzazione sui temi della disabilità. Testimonial dell’iniziativa, promossa dall’azienda di De Angelis Antonia, la cantante non vedente Annalisa Minetti.

In Braille le indicazioni sulla data di scadenza, la provenienza e il confezionamento del miele: è successo a Tolve, in provincia di Potenza, dove l’azienda agricola “De Angelis Antonia” ha presentato questa iniziativa rivolta alle persone con disabilità visiva. A presenziare alla manifestazione, che ha investito per due giorni la cittadina (7 e 8 giugno), anche la cantante non vedente Annalisa Minetti che, con la sua presenza, ha voluto testimoniare la realtà di chi vive la realtà della “non, o parziale, visione”.

L’iniziativa di sensibilizzazione e prevenzione, rientra nell’ambito di un progetto promosso dall’azienda agricola De Angelis di Tolve, specializzata nella produzione di miele, è realizzato in collaborazione con la sezione locale della Uic - Unione italiana ciechi e ipovedenti e con l’istituto scolastico Oronzo Albanese di Tolve. L’evento ha visto il contributo della Regione Basilicata e il patrocinio del ministero per i Beni e le attività culturali - Biblioteca Nazionale di Potenza, dell’Unitas (associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana) e della stamperia Bettini Sagl.

Nell’ambito della due giorni, poi, l’unità mobile oftalmica del Centro lucano di prevenzione della cecità ha garantito ai presenti e ai partecipanti visite oculistiche gratuite. E ancora, gli alunni dell’istituto scolastico Oronzo Albanese hanno fatto vedere gli elaborati progettati e realizzati per il libro “La città ideale”. Il testo, racconta la storia di una classe in gita scolastica, per l’appunto nella città perfetta, è una dedica collettiva al mondo della disabilità visiva. Così sarà pubblicato in versione tattile, in nero e in Braille; nonché in versione libro parlato, in italiano e inglese. Tutto ciò grazie alla collaborazione con il Centro internazionale del Libro Parlato di Feltre, in provincia di Bolzano. Infine, il testo sarà patrimonio anche per la Biblioteca nazionale di Potenza già dotata, peraltro, di una sala lettura dedicata a ciechi e ipovedenti.
 
(by Superabile)