Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Api, vista superveloce per accoppiarsi in volo. Migliori anche nel vedere i colori
[Torna all'indice generale]
  
Gli insetti vedono a una velocità cinque volte maggiore rispetto agli umani. Lo studio è dell’università Queen Mary

Vista superveloce e facilità nel vedere il mondo a colori
Sono le ultime due doti scoperte nelle api. Secondo uno studio condotto dall’università di Londra “Queen Mary” e pubblicato sul Journal of Neuroscience le api vedono il mondo a una velocità cinque volte maggiore rispetto a come lo vedono gli esseri umani e vedono anche i colori a una velocità doppia rispetto a quanto accade agli umani.

Visione totale dei colori ad alta velocità
La capacità di vedere in modo più rapido rispetto agli uomini è comune agli insetti volanti e permette loro di sfuggire ai predatori e di accoppiarsi in volo. Tuttavia, finora, non si sapeva se anche la visione totale dei colori delle api fosse possibile ad alta velocità.

I vantaggi della vista superveloce
Secondo gli autori dello studio, Peter Skorupski e Lars Chittka, la vista superveloce offre notevoli vantaggi. Per esempio, i bombi possono esplorare senza difficoltà i cespugli ombrosi alla ricerca di cibo. «Gli esseri umani - ha spiegato Skorupski - non riescono a seguire facilmente con gli occhi il volo degli insetti, ma essi possono seguire l’un l’altro grazie alla loro visione veloce. Questa velocità dipende da quanto velocemente la luce è catturata dalle cellule degli occhi che scattano una istantanea del mondo e la inviano al cervello».

I ricercatori hanno, inoltre, dimostrato che le api bruciano molta più energia per vedere i colori, rispetto a quella che consumano per vedere il mondo in bianco e nero. «L’energia delle api non può essere usata in maniera frivola - ha osservato Skorupski - ma è utilizzata per sopravvivere: sembra che vedere i colori a metà della velocità con cui vedono la luce bianca fornisca a questi insetti abbastanza dettagli per vedere i fiori e trovare la strada per casa».
 
(by Il Messaggero)