Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Studio sulla mappatura dei pollini, il miele avrà la sua carta d'identità
[Torna all'indice generale]
  
Durante la “Settimana del miele”, prevista a partire dall'11 settembre a Montalcino, verranno presentate molte iniziative, una su tutte? Una vera e propria carta d'identità per il prezioso miele. Il progetto è promosso dalla Provincia di Siena insieme al Dipartimento di Scienze Ambientali dell'Università di Siena ed è finalizzato alla mappatura dei pollini tipici del territorio, attraverso avanzatissime tecniche di biologia molecolare.

La “carta d'identità” avrà lo scopo di caratterizzare con certezza l'origine geografica dei vasetti prodotti in una determinata area, e garantirne così l'assoluta tracciabilità. La ricerca parte dalla constatazione che ogni miele contiene quantità più o meno elevate di granuli pollinici che derivano in gran parte dai fiori stessi sui quali il nettare è stato raccolto. Sulla base del riconoscimento di tali pollini è così possibile risalire all'origine botanica e geografica del miele.

''Ad oggi - spiega la dottoressa Diana Persia, promotore del progetto - l'identificazione dei pollini del miele era basata sull'analisi melissopalinologica, ovvero la loro osservazione al microscopio ed il loro riconoscimento visivo, ma si tratta di una metodica che presenta dei limiti dovuti alla sua non oggettività, in quanto influenzata dall'esperienza e dall'abilità dell'operatore. Oggi una possibile alternativa è basata sull'analisi del DNA dei pollini. Il nostro progetto di ricerca prevede l'esame di due specie botaniche tipiche dell'area di Montalcino, la sulla e il castagno: dai campioni di miele e dai pollini dei fiori raccolti nei campi estrarremo il DNA che verrà isolato e purificato. Su questo andremo ad effettuare le analisi genetiche volte all'identificazione di sequenze di DNA specifiche per la specie considerata. Poi verificheremo quanto di quel DNA è presente nel campione. Le analisi melissopalinologiche serviranno come guida e confronto dei risultati ottenuti, che saranno resi noti nel giro di un anno''.

''Questo progetto-pilota - afferma Hubert Ciacci, presidente della Settimana del miele di Montalcino - può rappresentare un importante punto di partenza per un successivo cammino di valorizzazione del nostro miele, attraverso una possibile richiesta di marchio di qualità e origine (Dop). Inoltre attraverso l'analisi del DNA è possibile individuare, a differenza del metodo melissopalinologico, l'eventuale presenza di OGM all'interno del miele, un'ulteriore garanzia a difesa dei diritti dei consumatori”.
 
(by La Nazione)