Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Il museo delle api lascia Bregnano per riaprire a Finale Ligure
[Torna all'indice generale]
  
Il museo è stato aperto, nel 1950, da Angelo Cappelletti, ora al suo posto sorgeranno nuove abitazioni. Abitazioni al posto del “museo delle api”. I circa duemila reperti sono finiti, invece, a Finale Ligure: i proprietari, la famiglia di Angelo Cappelletti, hanno deciso di donarli all’abbazia benedettina di Finalpia (con annesso uno storico apiario).
Il sito internet non è stato ancora aggiornato in questo senso, ma alla luce dell’ormai certa chiusura del museo (confermata anche da un cartello bene in vista al cancello d’ingresso), il primo cittadino conferma che intende intraprendere «tutte le iniziative possibili perché il museo rimanga a Bregnano e sia collocato in un ambito pubblico che consenta la ripresa delle visite e la conoscenza di questa importante realtà».
Una convinzione che va di pari passo con la disponibilità di realizzare un edificio o a reperirlo in collaborazione con il consorzio del Lura o con privati. Il sindaco ha voluto informare della questione anche enti sovracomunali quali la Soprintendenza per i beni architettonici, la Provincia e la Regione, il parco del Lura ed enti come l’Istituto Nazionale di Storia dell’Apicoltura, la Federazione Apicoltori italiani e l’Associazione Produttori Apistici delle Provincie di Como e Lecco.
«Abbiamo chiesto una vasta collaborazione perché il museo non venga smantellato - conclude Dubini - Abbiamo chiesto che ciascuno, ognuno per quanto di competenza, fornisca suggerimenti o adotti iniziative che possano aiutare l’amministrazione nella conservazione della raccolta e nella sua messa a disposizione della collettività».
La Provincia ha espresso solidarietà e l’intenzione di collaborare. Di fatto però il museo è stato trasferito.
 
(by La Provincia di Como - Laura Omodei)