Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Alimentazione contro il cancro
[Torna all'indice generale]
  
2000 donne, operate di tumore al seno, per sperimentare un’alimentazione più naturale per difendersi dalla ricaduta della malattia
Al via il progetto Diana 5: Studio di Prevenzione delle Recidive del Tumore al Seno attraverso l’Alimentazione e lo Stile di Vita

L’appuntamento è a Milano, mercoledì 3 Settembre 2008 - Ore 12.00 c/o Aula didattica Biometria e Statistica, Campus Cascina Rosa, Fondazione Irccs Istituto Nazionale Tumori - Via Vanzetti 5 - Milano

La Fondazione Irccs Istituto Nazionale dei Tumori (INT) di Milano ha progettato uno studio, denominato progetto DIANA 5 che ha l’obiettivo di valutare se una sana alimentazione ed una adeguata attività fisica possano ridurre il rischio di recidive nel carcinoma mammario.
Questo studio è sostenuto e finanziato dal Ministero della Salute attraverso i fondi del programma integrato per l’oncologia, dall’AIRC e dall’Unione Italiana delle Chiese Cristiane Avventiste del 7° giorno grazie all’8 per mille donato all’Associazione di Volontariato Lega Vita e Salute Onlus.
I precedenti studi DIANA, progettati e condotti presso l’INT, hanno dimostrato che riequilibrando la dieta è possibile anche modificare l’ambiente interno e ridurre, nel sangue, la concentrazione di certi fattori che favoriscono lo sviluppo dei tumori della mammella e che ne ostacolano la guarigione.
Lo studio verrà coordinato dalla Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori (INT) assieme all’Istituto Europeo di Oncologia (IEO), in collaborazione con altri centri di Napoli, Palermo, Perugia, Potenza, Torino, Avezzano, Corigliano Calabro, ed ha l’ambizioso obiettivo di coinvolgere 2.000 donne, operate per tumore al seno.
A questo nuovo studio DIANA possono aderire tutte le donne che rispondono alle seguenti caratteristiche:
➢ Avere un’età compresa tra 35 e 70 anni;
➢ Aver avuto un tumore della mammella negli ultimi cinque anni;
➢ Non aver avuto recidive;
➢ Essere disponibili a sottoporsi ad un prelievo di sangue, a misurazioni del peso, della circonferenza vita, della pressione arteriosa, ed a compilare alcuni questionari periodicamente
➢ Essere disponibili a modificare la propria alimentazione e lo stile di vita

Chi desidera aderire a Diana 5 o avere maggiori informazioni può farlo inviando una e-mail alla segreteria del progetto o telefonando: e-mail diana@istitutotumori.mi.it; fax 02 2390 3516 ; telefono 02 2390 2868 o 02 2390 3552

Elenco e recapiti dei centri coinvolti nel progetto:

Milano
Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori, Dipartimento di Medicina Preventiva e Predittiva;
02 2390 2868;
IEO Istituto Europeo di Oncologia: è in corso di attivazione un numero verde.
Palermo
U.O. Oncologia Sperimentale, Dipartimento di Oncologia, A.R.N.A.S Ospedali Civico e Benfratelli, G. Di Cristina e M. Ascoli; 091/6664344 - 091/6664339 (lun-ven dalle 9.00 alle 13.00).
Perugia
Dipartimento di Specialità Medico–chirurgiche e Sanità Pubblica della Università degli Studi.
Napoli
Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università Federico II; 081/7462156- 081/7462163 - 081/7463687.
Torino
Centro di Riferimento per l'Epidemiologia e la Prevenzione Oncologica in Piemonte (CPO); 011/6333875.
Potenza
Centro di Riferimento Oncologico di Rionero in Vulture; segreteria 0972/726349.
Aquila
Centro di Prevenzione, Diagnosi e Terapia del Tumore alla Mammella “Giunone” Srl - Avezzano; 346/6273446.
Cosenza
Centro di Prevenzione Oncologica “Giunone Calabra” Srl - Corigliano Calabro; 349/1608407.

Per ulteriori informazioni:
Ufficio Stampa Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori
Enrica Alessi (335 8023380) e Sergio Vicario (348 9895170) - Metafora - Tel. 02 71040091
 
(by Apitalia)