Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Contributi in Umbria per il comparto miele
[Torna all'indice generale]
  
Scade il 21 marzo 2008 il bando della Regione Umbria che prevede finanziamenti per l’apicoltura: 173mila euro per la produzione e la commercializzazione di miele

Oltre 173mila euro per ridurre i costi, incrementare il livello professionale degli addetti e contrastare la varroa, l’acaro parassita con il maggiore impatto economico sull’apicoltura. Sono questi i finanziamenti e gli obiettivi del bando 2007-2008, con il quale la Regione Umbria intende migliorare la produzione e la commercializzazione del miele.
Il bando, in scadenza il 21 marzo, è indirizzato a società e singoli operatori e prevede contributi, comunitari e nazionali, di 70mila euro per l’assistenza tecnica e la formazione professionale degli apicoltori e di oltre 85mila euro per la lotta alla varroasi e alle malattie connesse. Altri 3mila euro sono stati, inoltre, stanziati a sostegno delle spese per analisi chimiche e fisiche e 15mila euro per acquistare api regine e/o sciami di api di razza “ligustica”, la sottospecie di origine italiana più diffusa al mondo tra le api mellifere, adattabile alla maggior parte dei climi.
Secondo i dati in possesso dell’assessorato regionale all’agricoltura, in Umbria è prodotto, soprattutto, miele millefiori, anche misto a girasole e miele di melata. Si trovano inoltre molti mieli unifloreali come quelli di acacia, castagno, corbezzolo, pastinaca, stachis, tiglio, erba medica, sulla e lupinella. Ci sono mieli millefiori di buona qualità, apprezzati dai conoscitori, in particolare nelle zone montane di Gubbio, Città di Castello, Colfiorito, Norcia, monti Sibillini e monti dell’Amerino. La gran parte delle vendite sono effettuate direttamente dall’apicoltore.
L’apicoltura più redditizia – spiegano dalla Regione - è nelle zone del Trasimeno e lungo il bacino del fiume Tevere (Perugia, Marsciano, Orvieto, Terni). In questa zona, caratterizzata da clima sub-mediterraneo collinare, si trovano le aziende più sviluppate, sia sotto il profilo produttivo sia sotto quello gestionale.

Le domande per accedere ai contributi devono essere inviate all’Arusia, in via Fontivegge 51, 06124 Perugia.
Tutte le informazioni e la relativa modulistica sono disponibili sul sito www.regione.umbria.it alla sezione “Bandi”.
 
http://www.regione.umbria.it
 
(by Apitalia)