Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Il 16 settembre
[Torna all'indice generale]
  
Ermanno De Chino ci invia questa breve nota in merito al ritrovamento di un focolaio di Aethina tumida a Taurianova (RC)


Il 16 settembre è stato individuato un nuovo focolaio di Aethina Tumida a Taurianova e la presenza di larve di A.T. conferma che la pressione è in aumento.
Lo scorso anno, quando inviai la situazione epidemiologica al Dr. Pierre Giovenazzo dell’università del Québec, mi disse che era pessimista sulla possibilità di contenimento dell’infestazione.
Questo non sulla base delle impressioni, ma dell’esperienza fatta monitorando l’invasione dell’Ontario e della penisola del Niagara (con condizioni molto simili a quelli della Pianura Padana, che però ha inverni molto meno rigidi..).
Ciò che mi sconcerta è che anziché dialogare per mettere a punto una strategia condivisa che non penalizzi gli apicoltori, le Associazioni Nazionali continuino a dormire.
Non si può impedire alla natura di fare il proprio corso, ma si può cercare di contenere il danno.
Serve però una volontà condivisa.
Se le Associazioni Nazionali non capiscono che la tutela dell’Apicoltura Italiana ed Europea vengono prima dei loro protagonismi, il disastro è annunciato.
Se l’A.T. arriva nel cuore dell’apicoltura Italiana, dove sono concentrate le più significative aziende allevatrici (e mi riferisco al Bolognese), e dove le condizioni pedo climatiche sono ottimali per l’Aethina, sarà la fine dell’ape Ligustica. Forse questo bisognerebbe spiegarlo a chi continua ad illudersi che il problema si possa risolvere da solo.
Serve uno sforzo condiviso e bisogna farlo subito.
E’ stato perso fin troppo tempo.
 
(by Ermanno De Chino - 18.09.2015)