Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Valutazione epidemiologica di Aethina Tumida nella Sicilia Orientale
[Torna all'indice generale]
  
Carissimo Direttore Editoriale,
è per me premiante inviarti foto e relazione del Convegno di Zafferana Etnea. I Soci della Sicilia che hanno aderito ad A.N.A.I. Nazionale magistralmente guidati dal Loro Presidente dottor Fabio Marino, sono non solo il cuore di una bellissima realtà Apistica ma anche il motore che ha permesso l'importante riuscita del Convegno.
Fabio Marino con cui mi relaziono settimanalmente, ha immediatamente capito lo spirito che anima A.N.A.I. E lo ha trasmesso mirabilmente a tutti i Soci. Credo di essere riuscito a rispondere alle varie istanze che mi sono state presentate (Accreditamenti Regionali e Nazionali, Commercializzazione e Percorsi legali per interrompere azioni di furti sempre più gravi ai danni delle Aziende).

A.N.A.I. c’è!

Sergio D'Agostino Rossi Presidente A.N.A.I.


Lo scorso 24 febbraio nella Sala Consiliare del Comune di Zafferana Etnea (CT) si è tenuto il Convegno sul tema “Valutazione epidemiologica di Aethina tumida nella Sicilia Orientale”.
Il Convegno, cui hanno assistito in maniera interessata e attiva oltre 150 apicoltori e addetti al settore provenienti da tutta la Sicilia, a cui va aggiunta una piccola, ma apprezzata rappresentanza di apicoltori calabresi, è stato promosso e organizzato dall’Assessore allo Sviluppo Economico del Comune di Zafferana Etnea, Rag. Giovanni Di Prima, in collaborazione con il Dipartimento di Prevenzione Veterinaria dell’ASP di Catania.
I lavori sono stati aperti dal Sindaco di Zafferana Etnea, Dr. Alfio Russo, che nel suo intervento ha tenuto a rimarcare l’importanza dell’apicoltura nell’economia del territorio etneo.
Gli interventi a seguire, moderati dalla D.ssa Anna Maria Marino dell’IZS della Sicilia, hanno visto come primo relatore il Dr. Franco Mutinelli, Direttore del Centro di Referenza Nazionale per l’apicoltura dell’IZS delle Venezie, il quale ha fornito un quadro puntuale e dettagliato sulla attuale situazione epidemiologica di Aethina tumida in Sicilia e Calabria.
Il Dr. Antonino Virga, Dirigente dell’Assessorato alla Salute della Regione Sicilia, ha illustrato i dati sulla consistenza del comparto apistico siciliano e sulle emergenze sanitarie in apicoltura, soffermandosi particolarmente su Aethina tumida, evidenziandone criticità e possibilità di miglioramento.
Il Dr. Andrea Maroni Ponti, Dirigente del ministero della Salute, nel corso del suo intervento ha parlato dei criteri di intervento finora adottati e dei possibili sviluppi futuri nella gestione della emergenza Aethina tumida in Sicilia e Calabria.
L’intervento del Dr. Francesco La Mancusa, Dirigente Responsabile della U.O.C. di Sanità Animale dell’ASP di Catania, è stato centrato essenzialmente sugli adempimenti relativi alla nuova anagrafe apistica e sulle ripercussioni che essa potrà avere sulla gestione degli apiari.
A concludere le relazioni è stato il Dr. Fabio Marino, referente dell’Associazione Nazionale Apicoltori Italiani (A.N.A.I Sicilia), che nel suo intervento ha fornito un quadro economico del settore apicoltura nella realtà locale e ha evidenziato il ruolo e le proposte elaborate dalle Associazioni di apicoltori sia nel corso della emergenza Aethina tumida, sia per la gestione della anagrafe apistica.
A seguire il Dr. Emanuele Farruggia, Direttore del Dipartimento di Prevenzione Veterinaria dell’ASP di Catania, ha moderato il dibattito nel corso del quale i presenti hanno avuto modo di porre domande ai relatori sugli argomenti trattati.
Nel corso del pomeriggio sono stati visitati gli stabilimenti di lavorazione della “Cooperativa Apicoltori Etnei” e della ditta “Solmielato di Filippo Leonardi”, due strutture che sono sicuramente il fiore all’occhiello dell’apicoltura di Zafferana Etnea e che rappresentano bene la potenzialità imprenditoriale degli apicoltori etnei.
In definitiva, il bilancio della giornata di lavori è stato pienamente positivo per la qualità delle relazioni presentate, per la partecipazione di massa degli apicoltori e per le proposte che sono state avanzate durante i lavori.
La speranza è quella che si possa realizzare una collaborazione più stretta fra le Istituzioni preposte, le Associazioni dei produttori e gli apicoltori e che gli stessi, condividendo strategie ed obiettivi, possano giungere ad una visione comune, nell’interesse di tutto il settore apistico.
 
(by Fabio Marino - 12.03.2015)
 
 
 File allegati a quest'evento: 1 file tot.
770 Kb Galleria fotografica Convegno
 
Dimensione file: 770 Kb - [download]