Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Novità in Apicoltura: rilevamenti costanti, e in tempo reale, per monitorare costantemente gli apiari
[Torna all'indice generale]
  
L’APAS - Associazione Produttori Apistici della provincia di Sondrio - sta realizzando un progetto congiunto con la Società Apicoltori Poschiavo-Brusio (Svizzera) che si avvale, in parte, delle risorse dell’Unione Europea (Interreg IIIa) per interventi transfrontalieri. Grazie a questo è nato un progetto di rilevazioni in vari apiari dislocati in più postazioni dove si rilevano dati importanti come il peso di un alveare, alcuni dati ambientali e meteo quali temperatura, umidità, punto di rugiada, luminosità del cielo e la foto della porticina dell’alveare in 4 momenti considerati significativi della giornata. Il progetto è partito nel 2005 soltanto con alcuni dati di rilevamento parziali, si è sviluppato alla fine dello stesso anno, nel mese di dicembre le centraline erano completate. Queste stazioni di rilevamento sono innovative rispetto al progetto sperimentale: grazie a dei pannelli fotovoltaici e degli accumulatori sono rese completamente autonome (basta posizionarle in un luogo che riceva quotidianamente qualche ora di sole). Queste stazioni di rilevamento hanno ora anche strumenti e sensori per rilevare pioggia e vento: si è voluto completare la dotazione per rendere queste strutture delle stazioni meteorologiche che possono essere utili a tutti, ai cittadini che, se vogliono, possono vedere i grafici nonché ai tecnici che possono anche scaricare i dati in formato tabellare. Utilità di questa rete di rilevamento è semplice, con pochi “click” sul sito internet www.apicoltori.so.it si può leggere facilmente l’andamento degli alveari della provincia di Sondrio e disporre dei dati delle condizioni microclimatiche delle varie aree del nostro territorio.
Il servizio di rete che si è attivato con il 1° gennaio 2007 permette, nei periodi invernali e primaverili, di monitorare i consumi degli alveari fornendo così le indicazioni per tempestive nutrizioni di soccorso. Durante il periodo di più intensa attività da parte delle api, le informazioni fornite da questo sistema permetteranno di aggiungere o di raccogliere i melari nel momento ottimale al fine di ottenere pregiati mieli monofloreali senza cioè che il nettare di altre piante “inquini” il prodotto.

Sulla Rivista Apitalia potrete prendere visione completa del nostro progetto: Apitalia marzo 2007.
 
http://www.apicoltori.so.it
 
(by Associazione Produttori Apistici della provincia di Sondrio)