Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
A proposito di ratio
[Torna all'indice generale]
  
Continua la querelle sul citrico e sul rapporto Natura- Scienza e Apitalia non ne può che essere il portatore




Egregio Dottore,

molto più dottore di me, invero.
Ha meditato se fosse il caso di replicare e ha scoperto che non ne poteva fare a meno, perché sua deve essere l’ultima parola. Perché tutto quello che mette in discussione il VOSTRO modo di vedere è attacco personale e allora sia. All’ultimo sangue. Lei non vede la ratio come non vede molte cose, ma adora pontificare. Si affida alla natura, ma non conosce la natura.

Neppure ha capito, nella sua enorme presunzione, che molti dei concetti del mio scritto non erano riferiti a Lei, ma venivano espressi in relazione alla situazione generale.
L’allusione non Le è chiara per nulla e nella sua foga agonistica ha molto travisato.
I disastri sono ben oltre le sue piccole, quasi inesistenti responsabilità.

Se Lei fosse qualche volta sceso dal piedistallo e fosse andato in gita alla Turris Eburnea saremmo qui a parlare di ben altre cose. Ci sono almeno 20.000 ricerche sulle api che lei ignora, eppure sostiene di avere la verità nel pugno.
E’ come se io andassi a Maranello alla Ferrari a dire di potergli insegnare a fare il motore a scoppio.
Ma probabilmente Lei prima di andare in pensione è stato magistrato o prefetto o ministro. Di certo, Presidente.
A mio modo di vedere, Lei non riesce a trasporre un briciolo della sua notevole cultura e della sua notevole intelligenza accecato da preconcetti e varie presunzioni.

Pur essendo io commerciante ho visto molti (mi permetta, se non tutti) essere più commercianti di me. Anche di idee, per la necessità di avere ragione, non avendo altro nella vita.
Dunque, auguri a Lei e alle sue strepitose api che, ovviamente, potranno appartenere solo a Lei e a pochi altri eletti discesi direttamente dall’Olimpo.
Fra un po' racconterete mirabili cose dell'acido lattico come sistemico. Quello che più ragionevolmente potreste provare è il glutinato di rame, secondo gli studi del professor Bounias.
 
(by Gianni Savorelli - 13.10.2014)