Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
La Regione Puglia smentisce la FAI
[Torna all'indice generale]
  
Riceviamo dal nostro inviato pugliese Francesco Colafemmina e pubblichiamo

La FAI nel suo comunicato odierno relativo alle attività di controllo e monitoraggio dell'infestazione di aethina tumida in Calabria riporta un sibillino rumor relativo alla possibile diffusione del parassita attraverso un traffico di nuclei partito dalla Puglia. Di seguito quanto riportato dal presidente Cirone, nel suo ennesimo bollettino dal fronte calabrese: "A Bari, nella mattina del 1° Ottobre 2014, si è svolta una riunione su Aethina tumida convocata dall’Assessorato all’Agricoltura, presenti anche i responsabili dell’Assessorato alla Sanità, i rappresentanti dei Dipartimenti di Agraria e Veterinaria dell’Università di Bari e dell’apicoltura pugliese. Nel corso di questa riunione, segnala la Professoressa Giuseppina Marilia Tantillo, del Dipartimento di Medicina Veterinaria dell'Università di Bari, abbiamo appreso che «Potrebbe essere, ma la notizia è ancora da verificare, sia stato venduto un nucleo di api infestato da Aethina tumida, che dalla Puglia è stato poi trasferito in Calabria». I nuclei, si sa, vengono venduti a primavera: se così fosse, il parassita sarebbe in circolazione da almeno sei mesi…\"

La notizia diffusa in maniera del tutto irresponsabile e priva di alcun riscontro materiale sembra corrispondere piuttosto ad una insondabile esigenza del presidente Cirone di seminare il panico nell'apicoltura italiana. Noi di Apitalia abbiamo sentito telefonicamente il dirigente del Servizio Veterinario Regionale della Puglia, il dottor Onofrio Mongelli che ieri ha presieduto la riunione cui fa riferimento il comunicato della FAI. Il dottor Mongelli ci ha confermato che la "notizia è destituita di  fondamento". Inoltre ha chiarito che \"anche qualora vi fosse stata una movimentazione di nuclei dalla Puglia alla Calabria questa non ha avuto alcuna correlazione con i focolai di aethina tumida". Al momento, ha proseguito Mongelli "in Puglia non c\'è mai stata alcuna segnalazione di presenza di aethina, piuttosto grazie alla collaborazione della associazioni siamo attivi per mettere in campo tutte le iniziative utili a contenere un'eventuale arrivo del parassita". 

E' opportuno sottolineare che in questi giorni sembra essersi scatenata da parte della FAI una caccia al presunto "untore", con ripetuti tentativi di accusare questo o quell'apicoltore di aver introdotto il parassita attraverso traffici di api vive. Nonostante la spessa cortina di fumo e le notizie discordanti che provengono dalla Calabria ad oggi l\'unica certezza è che l'infestazione più avanzata era quella dei primi tre nuclei detenuti e distrutti dal prof. Vincenzo Palmeri. Vi è d'altra parte la possibilità di risalire attraverso le analisi genetiche al ceppo di provenienza degli esemplari di aethina tumida al fine di comprendere il possibile paese di provenienza e quindi avere maggiori dati sul suo possibile ingresso in Italia. Permane dunque una forte perplessità sulla diffusione di simili rumors, confidenze o sospetti da parte della FAI, ossia di una autorevole federazione apistica nazionale. Oggi, inoltre, il comunicato della FAI ricorre anche a toni degni del più fosco Alfred Hitchcock, descrivendo l' "avvistamento" di un "nugolo" di adulti di aethina che ricorda le incursioni di volatili contro Tippi Hedren nel film gli Uccelli. In queste ore più che seminare il panico occorrerebbe agire attraverso proposte per adeguare gli standard apistici italiani all'arrivo futuro di questo parassita. Negli USA e in Australia, infatti, l'apicoltura è sopravvissuta all'aethina negli ultimi 15 anni. Non è chiaro dunque per quale ragione si debba continuare a seminare il panico fra gli apicoltori italiani ed europei, scrivendo peraltro comunicati degni del verismo di Verga, con accenti propri del decadentismo fin de siècle, invece di investire risorse ed energie nella definizione di un piano nazionale per riformare l'apicoltura e le prassi apistiche onde contenere e annullare i potenziali danni dell'aethina. 
 
(by Francesco Colafemmina - 2.10.2014)