Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Apicoltori valtellinesi sugli scudi
[Torna all'indice generale]
  
Una retrospettiva di una realtà provinciale che svolge un servizio all'economia. Le api non sono solo miele, pappa reale, propoli, cera. Le api sono fondamentali per la frutticoltura, in particolare in una zona come la nostra. Rivediamo un interessante “fil” 2013

Grande soddisfazione per l’APAS - Associazione Produttori Apistici della provincia di Sondrio - per i risultati ottenuti dai campioni di miele degli associati e degli amici qui selezionati e inviati al primo concorso regionale “Grandi Mieli di Lombardia”:
il 1° premio in due tipologie di miele, il 2° posto in tre tipologie di miele e
il 3° posto in una!!
I risultati ottenuti dimostrano ancora una volta la qualità e la professionalità con la quale i nostri apicoltori lavorano. Le grandi risorse e potenzialità di un ambiente floristico particolarmente bello e interessante come quello che si può trovare in Valtellina e territori limitrofi non basta se non ci sono capacità, competenze e soprattutto una grande passione e sensibilità per l'apicoltura e per i ritmi di questi meravigliosi animali quali sono le api. Così, dopo i grandi successi raccolti, anche quest'anno, nei principali concorsi nazionali dedicati ai migliori mieli di ogni regione italiana, giunge questo concorso lombardo. Una prima edizione che ha già raccolto comunque un'adesione superiore alle aspettative.
Questi i risultati delle valutazioni che l'organizzazione del concorso ci ha trasmesso.

• Broggi Francesca
millefiori di alta montagna - classifica 2° posto - punteggio 92,00%
miele di Robinia - classifica 4° posto (pari merito) - punteggio 90,00%
miele di Tiglio - classifica 1° posto - punteggio 88,50% (prodotto in località Vergosio, Comune di Stazzona)

• Cornaggia Mauro
millefiori di alta montagna - classifica 16° posto - punteggio 79,00%

• De Gianbattista Maurizio
millefiori di alta montagna - classifica 12° posto - punteggio 83,25%

• Franceschini Mario
miele di Castagno - classifica 6° posto - punteggio 88,50%
miele di Rododendro - classifica 4° posto - punteggio 79,50%

• Mazzetta Guido
miele di Rododendro - classifica 1° posto - punteggio 93,00%

• Nana Stefano
miele di alta montagna - classifica 9° posto - punteggio 86,25%
miele di Rododendro - classifica 2° posto - punteggio 90,50%

• Stropeni Lidia
miele di montagna - classifica 3° posto - punteggio 91,75%
miele di Tiglio - classifica 2° posto - punteggio 85,75%

• Redaelli Ambrogio (Festina Lente)
miele di Tiglio - classifica 6° posto - punteggio 78,75%
miele millefiori di montagna- classifica 6° posto - punteggio 88,50%
miele di Robinia - classifica 4° posto (pari merito) - punteggio 90,00%
La premiazione dei vincitori è stata effettuata domenica 1 dicembre presso l'auditorium di S. Barnaba a Brescia. Sono stati assegnati dei riconoscimenti ai primi 3 classificati di ogni tipologia di miele. Le targhe "Ape d'oro" sono state consegnata dal Presidente dell'Associazione Apicoltori Lombardi, dott. Claudio Vertuan in una manifestazione molto ben riuscita e partecipata.
Grandi risultati ovunque
Cogliamo l'occasione per ricordare i grandi risultati ottenuti anche quest'anno nel concorso nazionale di Castel S. Pietro Terme "Grandi Mieli d'Italia - Premio Giulio Piana". In questa manifestazione il riconoscimento "Tre Gocce d'Oro", viene assegnato al miglior miele presentato in una determinata tipologia di miele. In totale, quest'anno, sono 14 i mieli che si possono fregiare di questo importante riconoscimento nazionale. Nell'Olimpo dei 14 mieli più buoni d'Italia ben due sono stati prodotti da aziende apistiche valtellinesi: "Apipozzi" di Francesca Baroni (e guidata da Luigi Pozzi) di Mazzo V. con un “Miele Millefiori di alta montagna” e l'azienda apistica di Guido Mazzetta, di Sondalo, con un “Miele di Rododendro”. Buoni risultati anche nella categoria “Due Gocce d'Oro”, riconoscimento assegnato ad 88 campioni di miele. Fra i premiati quello di Rododendro dell'Apicoltura “Sassella” di Sara Bianconi (e guidata da Claudio Sassella) e Miele di Acacia dell'Apicoltura Oliver Gatti e di Festinalente, azienda guidata da Ambrogio Redaelli.
Sono stati inoltre assegnati 145 riconoscimenti “Una Goccia d'Oro” fra questi troviamo la Mieleria Moltoni (Miele di Acacia) e l'Apicoltura Bagini Mirko (Miele Millefiori di Alta Montagna). Da segnalare in questo ambito un ulteriore riconoscimento per l'Azienda Apistica Festinalente che si è aggiudicata “Una goccia d'oro” anche per il Miele Millefiori. Come detto il 2013 è stato ricco di successi per le nostre aziende anche in altre importanti manifestazioni. Nel concorso internazionale dei mieli “Roberto Franci” 2013 di Montalcino il “primo premio assoluto” (istituito per l'occasione perché i premi sono per tipologia) è stato assegnato alla azienda apistica “Apicoltura Apipozzi” di Francesca Baroni & Luigi Pozzi di Mazzo di Valtellina per il miele di Rododendro. Primo premio per la categoria miele di Tiglio alla azienda apistica di Lidia Stropeni & Giuseppe Perotti. Un successo che giunge dopo il premio conseguito da questa ditta lo scorso anno al concorso di mieli di Lazise.


Info: www.gazzettadisondrio.it/enogastronomia/23072014/apicoltori-valtellinesi-sugli-scudi#sthash.fmrlL98P.dpuf
 
(by www.gazzettadisondrio.it - 24.07.2014)