Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Ascosphaera apis
[Torna all'indice generale]
  
E’ sconcertante apprendere, il 16 maggio 2014, dallo studio pubblicato in questi giorni su Journal of Invertebrate Pathology, “The ability to cause infection in a pathogenic fungus uncovers a new biological feature of honey bee viruses”, di Zhiguo Li, Songkun Su, Michele Hamilton, Limin Yan, Yanping Chen, che per la prima volta siano stati rinvenuti virus delle api nel fungo patogenico delle stesse, Ascosphaera apis.

Abstract della ricerca
E' stato dimostrato che Deformed Wing Virus (DWV), Black Queen Cell. Virus (BQCV) e Israeli Acute Paralysis Virus (IAPV) possono infettare, replicandosi, il fungo Ascosphaera apis che innesca, nelle api, la covata calcificata. Si rivela perciò una nuova caratteristica dei virus delle api. L’analisi filogenetica mostra che virus di funghi e virus delle api hanno origini distinte, ma che i virus delle api sono in grado di adattarsi a vari tipi di ospite (gli stessi sono diffusi ormai ampiamente anche nei bombi). Ulteriori studi dovranno investigare l’impatto dei virus delle api sulla fitness dei funghi ospiti e gli effetti della combinazione virus-Ascosphaera apis, sull’ape.

Commento
Il fatto ha conseguenze pratiche rilevanti. L’adattamento di questi tre virus al fungo Ascosphaera apis lo rende, con buona probabilità, un ulteriore elemento di riserva virale. Da ciò, Ascosphaera apis, la cui presenza è collegata alla presenza di varroa, non sarebbe più da considerare esclusivamente per l’effetto patogenico suo proprio, ma, di ben maggiore pericolosità, come elemento di diffusione di virus: il tipo di patogeno più letale per l’ape.
 
(by Gianni Savorelli - 16.05.2014)