Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Il bambino è sempre malato: sì o no a propoli e olio di fegato di merluzzo?
[Torna all'indice generale]
  
Gli studi più recenti dimostrano l’efficacia, oltre che di immunostimolanti e vaccini, anche di rimedi antichi


Il bambino passa l’inverno col moccio al naso, il mal d’orecchi, la tosse e il catarro? Le infezioni respiratorie ricorrenti nei bambini si possono e si devono prevenire. E’ il monito lanciato dai pediatri al «32° Congresso di Antibioticoterapia in Età Pediatrica». Sì agli immunostimolanti, da quelli che si acquistano dal farmacista al vecchio e amato propoli. Sorpresa: studi recentissimi hanno inoltre dimostrato l’importanza anche per prevenire i malanni dell’inverno della vitamina D, presente in molti alimenti (latte, burro, tuorlo d’uovo, salmone, tonno, aringhe, sgombro, sardine), e soprattutto in un altro rimedio delle nonne, l’olio di fegato di merluzzo.
Come prevenire le infezioni? Negli ultimi anni tra gli strumenti di prevenzione si sono diffuse molto le terapie alternative, sebbene siano pochissimi gli studi che realmente dimostrano una loro reale efficacia. Echinacea e propoli sono i preparati più usati ma solo per il secondo vi sono dati raccolti in modo ineccepibile su un effetto preventivo. Lo stesso vale per lo zinco, che però sembra avere un effetto solo in quei soggetti carenti di questo minerale.
 
http://www.lastampa.it
 
(by www.lastampa.it - 25.02.2014)