Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Un tragico errore
[Torna all'indice generale]
  
Riceviamo dal Presidente A.N.A.I., Sergio D'Agostino Rossi, la lettera inviata martedì 14 gennaio 2014 all'onorevole Vittorio Prodi, PD, in merito a Ogm e polline. Su come si sia sviluppata la vicenda trovate resoconto in questa sezione

Illustrissimo Onorevole Vittorio Prodi,

scusandomi per il disturbo, mi permetto di inviare alcuni dettagli ulteriori di una situazione che, sicuramente, Lei già conosce. Sottolineo che Le scrivo come amico di Dario Dongo, che so Lei ben conosce, avendomi, Dario, parlato molto di Lei.
Nel comparto MIELE, in Europa, si sta delineando una situazione drammatica riguardante un TRAGICO ERRORE secondo il quale il polline sarebbe un ingrediente del miele anziché, come sempre stato, un suo componente.
Se passasse tale assurdità TUTTI GLI OPERATORI DEL SETTORE sarebbero obbligati a scrivere l’ingrediente polline sulle etichette del miele e a fare, per ogni lotto prodotto, una analisi OGM per controllare se tale polline non sia geneticamente modificato.
Sta passando l’ingannevole ipotesi secondo la quale in Italia, essendo vietata la coltivazione OGM, non ci sarebbe pericolo per il miele Italiano. Ma ciò NON E’ VERO in quanto basterebbero piccoli appezzamenti di coltivazioni sperimentali, dislocati sul territorio, anche di vegetali non nettariferi (le api volano e visitano e toccano ed ispezionano ogni tipo di vegetale che trovano sul loro cammino) per far si che granuli di polline OGM finiscano nel miele.
Provi a pensare al danno di immagine di un prodotto che contiene solo circa lo 0,3% di polline e provi a pensare al danno economico di ogni operatore costretto a far fare analisi OGM su ogni lotto di miele prodotto e/o comprato.
La votazione del 15 Gennaio 2014 nella seduta plenaria al Parlamento europeo su “polline ingrediente sì” oppure su “polline ingrediente no” decide il futuro di un grandissimo settore agricolo/alimentare come il MIELE e decide, anche, il futuro di tante famiglie che con il miele lavorano e campano.
Chiedo, per favore, a Lei, persona di indiscussa serietà e di grande umanità, di volere sostenere la proposta della Commissione Europea di modifica della direttiva miele volta a chiarire ciò che è sempre stato in essere e cioè che il POLLINE NEL PRODOTTO MIELE E' UN COSTITUENTE NATURALE E NON UN INGREDIENTE.
Sentitamente ringraziandoLa  per il tempo che mi ha dedicato leggendo questa mia, mi segno con osservanza.

Sergio D’Agostino Rossi
Presidente A.N.A.I. (Associazione Nazionale Apicoltori Italiani)
 
(by Presidente ANAI / 15.01.2014)