Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
“Progettiamo l'Apicoltura del Futuro”
[Torna all'indice generale]
  
A.N.A.I. invita tutti gli apicoltori, sabato 2 marzo 2013 ad Apimell, sala A ore 15,00, al Convegno “Progettiamo l'Apicoltura del Futuro”. E' un appuntamento da non mancare, visto che sul tavolo ci saranno tutti quei problemi che stanno uccidendo la nostra apicoltura, senza che vengano date delle risposte adeguate all'Apicoltore. Ora basta, non facciamoci più prendere in giro.
Nel 2012 ci sono stati apicoltori che hanno perso addirittura l'80% degli alveari. Il loro reddito è stato praticamente azzerato. Eppure, devono continuare a fare la denuncia di possesso alveari, pagare l'Iva, le tasse e tutti gli strumenti e i farmaci che gli servono in apiario. Gli apicoltori hanno una famiglia e mangiano tutti i giorni, come gli altri. Eppoi, ci sono gli “sceriffi” che li inseguono. Devono difendersi perché non hanno a disposizione strumenti adeguati, devono difendersi perché qualcuno ha deciso di fermare l'orologio dell'apicoltura al 1954. Nessuno vede niente, si fa finta di niente e si continua semplicemente a parlare dell'Ape in modo bucolico. Ai media, sempre pronti a raccontare favolette sul mondo dell'ape, non passa minimamente in testa di andare a sentire gli apicoltori, non passa minimamente in testa di parlare delle possibili soluzioni. Va bene api e biodiversità. Però... Una domanda: “Quando non ci saranno più gli apicoltori e le api, chi la assicurerà la biodiversità?” E se non ci fosse Apitalia...
Dunque, a Piacenza è fondamentale trovare tutti insieme le strategie per prospettare e costruire insieme l'Apicoltura dei prossimi anni. Sarà un Convegno in cui gli Apicoltori, a qualsiasi associazione appartengano, non saranno spettatori ma dovranno parlare delle loro urgenze e di come pensano di uscire dall'impasse: non più relatori che parlano e apicoltori che ascoltano, non più personaggi famosi che vengono a strombazzare quattro banalità. Risultato? Una vetrina che non serve a niente.
A.N.A.I: è nata PROPRIO PER QUESTO, per stare in mezzo agli apicoltori, per difenderli in Tribunale, e farli assolvere, quando i loro diritti sono calpestati; per far sentire le loro legittime istanze in Parlamento e nei ministeri; per avviare i giovani in apicoltura; per cambiare le regole del gioco. Questo duro lavoro ha portato tanti risultati e le cose cominciano a cambiare, chi ci segue lo sa bene. A.N.A.I. sta con tutti gli apicoltori, qualunque casacca indossino. Ma non basta, è ora di dare, a partire dalla necessità degli apicoltori, la spallata decisiva a un sistema che blocca tutto, che impedisce il cambiamento. L'Apicoltura va ripensata. Basta con sterili querelle: “Antibiotici sì, antibiotici no”. Le api muoiono per Varroa, Nosema, Virus, Pesti e tanto altro. C'è bisogno di risposte e riforme e non di chiacchiere.
Venite numerosi e fate sentire la vostra voce a Piacenza, le soluzioni e i cambiamenti verranno fuori. Sta per nascere un gruppo al quale non si potrà più non rispondere.
 
(by Apitalia - 20.02.2013)