Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Caldo torrido, Scipione invade l’Italia
[Torna all'indice generale]
  
L’anticiclone africano durerà fino a metà della prossima settimana, secondo Antonio Sanò direttore di ilMeteo.it. I consigli della Coldiretti: “Mangiare frutta e verdura per reidratarsi”

L’Italia boccheggia dal caldo, e nei prossimi giorni andrà peggio: giovedì il picco massimo dell’afa, con punte di 40 gradi. Scipione l’africano ha ormai raggiunto la Penisola: l’estesa struttura anticiclonica con radici sull’Africa sahariana, che porta il grande caldo, si estenderà fino all’Europa centro orientale con l’Italia interessata direttamente. Le temperature da oggi aumenteranno costantemente fino a giovedì 21 giugno quando è previsto il picco. Il caldo si manterrà intenso al Centrosud e sulle isole maggiori fino ai primi giorni di luglio. Sono le previsioni di Antonio Sanò direttore de www.ilMeteo.it. L’anticiclione africano, ribattezzato Scipione, è in grado di pompare aria molto calda verso il Mediterraneo almeno per 7-10 giorni. Sarà garanzia di un tempo stabile e soleggiato, tipicamente estivo, per tutta l’Italia. Solo intorno all’arco alpino e occasionalmente sull’area di alta Val Padana si assisterà a temporanei addensamenti con locali precipitazioni a carattere di rovescio. Il caldo è in aumento significativo già in queste ore e nel weekend le temperature supereranno i 30 gradi su molte aree di pianura delle nostre regioni. L’apice si raggiungerà intorno alla metà della settimana prossima con picchi record intorno ai 40 gradi al Sud e tra le isole maggiori, 36/38 al Centro sulle aree di pianura interna e fino a 34/36 al Nord sulla Val Padana centro orientale. Lungo le coste il clima sarà relativamente più mite grazie alle brezze. Sul resto del centro-nord le temperature aumenteranno fino ad oltre i 30-32 gradi e si comincerà a percepire l’afa sulla Val Padana. Il gran caldo perdurerà al Sud, su buona parte del Centro e tra le isole maggiori almeno fino alla fine di giugno. È la prima delle 3 fiammate «bollenti» che il centro di calcolo di IlMeteo.it prevede per l’estate 2012, particolarmente tra giugno e fine luglio, grazie all’elaborazione ponderata dei dati statistici delle stagioni passate.
Verdura e frutta: gli alimenti anti-afa
Carote, radicchi, albicocche, cicorie e lattughe sono al primo posto nella classifica della frutta e della verdura che, grazie ad un alto contenuto di vitamina A, aiutano a difendersi dal caldo dell’anticlone «Scipione», proveniente dall’Africa. Meloni gialli, sedano, peperoni, pomodori, pesche, cocomeri e ciliege seguono nella classifica di verdure e frutti anti-afa stilata dalla Coldiretti. Grazie alla vitamina A e alle sue proprietà antiossidanti, frutta e verdura aiutano inoltre a preparare la pelle per un’abbronzatura naturale. Frutta e verdura, infatti, aiutano a reidratarsi e a reintegrare i sali minerali persi con il sudore, sono ricche di vitamine e aiutano a contrastare l’azione dei radicali liberi prodotti nell’organismo dall’esposizione al sole.
 
http://www.lastampa.it/redazione/default.asp
 
(by La Stampa (18/06/2012))