Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Asia Argento e le Api
[Torna all'indice generale]
  
Asia Argento si è cimentata in una stupefacente interpretazione di Martina, una donna timida che sceglie di non parlare dopo aver subito un trauma, nel film “Isole”. Una pellicola indipendente firmata dal giovane regista Stefano Chiantini che avrà una distribuzione “sperimentale”: è uscito nelle sale l’11 maggio e poi andrà in internet, gratuitamente. Del film sono protagoniste anche 80.000 api


Portare in scena il personaggio di Martina, una ragazza introversa con la passione per l’apicoltura che ha scelto di non parlare più, si è rivelata una delle esperienze più stimolanti della sua carriera, perché le ha permesso di rinunciare alle parole affidandosi ai tanto amati… silenzi. Anche se Asia, quando c’è da tirare fuori le parole, riesce sempre a lasciare il segno:
… «Ottantamila api, per essere precisi. Non nego che, prima di girare la scena, avevo un po’ di paura addosso. Poi però fortunatamente è andato tutto per il meglio grazie anche alla presenza di un apicoltore che si chiama Vincenzo: è stato molto gentile e mi ha dato continuamente consigli, facendomi capire che, rapportandomi alle api con delicatezza, non avrei corso pericoli».

E alla fine è stato davvero così?
«Aveva ragione Vincenzo, anche se posso dirlo solo in riferimento alla mia esperienza. Infatti il mio compagno di set, Ivan Franek, non può certo dire la stessa cosa, dato che è stato punto più volte dalle api. Ma temo che questo sia accaduto perché Ivan non è stato delicato con loro come invece sono stata io (ride, ndr)».

Quando eri piccola gli insetti ti facevano paura?
«Non sono mai stata un’amante degli insetti, in particolare delle cavallette. Ecco perché queste scene sono state in un certo senso liberatorie per me. Si è trattato di una bella conquista, perché sono riuscita a sconfiggere questa mia paura che mi accompagnava da diversi anni».
 
http://www.quotidianamente.net
 
(by www.quotidianamente.net (22.05.2012))