Attualità
Il mondo delle api a misura d'uomo
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 
Operazione Ape Maia, sequestrate confezioni di miele e propoli
[Torna all'indice generale]
  
Apitalia, insieme ad A.N.A.I., si è sempre battuta per il rispetto delle regole nel campo dell’apicoltura. Ne abbiamo parlato in un nostro recente editoriale dal titolo “Rispettare le regole” che uscirà sul numero di Giugno della nostra rivista.
Noi, alla luce dei recenti fatti di cronaca che potete leggere qui di seguito, non possiamo che ribadire ciòche abbiamo sempre affermato:
il fai-da-te non solo non serve ma può essere pericoloso per apicoltori, api e consumatori. Solo così, insieme, potremo salvare la qualità del buon miele italiano.

***

ANCONA - Migliaia di confezioni di preparati a base di propoli (tra cui 2.000 bottigliette di soluzione idroalcolica e 455.000 perle da masticare) e miele bio taroccato contenenti acaricidi non consentiti dalla legge sono stati ritirati dal mercato dal Corpo Forestale dello Stato.

La Forestale ha riscontrato una concentrazione fuori norma di coumaphos e di chlorfenvinfos, quest’ultimo una sostanza liposolubile vietata in Europa dal 2003 e pericolosissima per il sistema nervoso dell’uomo. Quarantasei le aziende del settore denunciate per reati sanitari e frode in commercio al termine delle indagini partite all’inizio del 2010.

L’operazione “Ape Maia-Bio” era stata avviata dal Comando Stazione del Corpo Forestale di Comunanza (Ascoli Piceno) con una serie di controlli sul miele tradizionale e il prelievo di 125 campioni per accertare l’eventuale presenza di fitofarmaci nel miele, nella propoli, nella cera, nella pappa reale e nel favo. L’attivita mira a limitare l’utilizzo da parte degli apicoltori italiani di fitofarmaci non consentiti dalla legge nella lotta contro la “varroa”, un acaro parassita che colpisce le api allo stato adulto e larvale e che per la sua rapida diffusione é un annoso problema per l’apicoltura italiana. Secondo gli accertamenti della Forestale sul mercato nazionale sono stati immessi ed utilizzati fogli di cera pronti all’uso, contaminati da questi fitofarmaci vietati dai disciplinari di settore e dalle norme italiane ed europee.

Tracce sono state rinvenute sul miele biologico e ulteriori approfondimenti hanno dimostrato che per sconfiggere la varroa in modo veloce e a costi bassi striscette imbevute di chlorfenvinfos erano state indrodotte nell’alveare, facendo così entrare in contatto il miele con la cera contamina. Nonostante la mole di materiale ritirato dal commercio, però, il comandante della stazione forestale di Comunanza Gianluca Baiocchi rassicura i consumatori: “oltre il 90% del miele bio in Italia è sicuro. Il resto lo abbiamo reso sicuro noi con i nostri controlli”
 
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2012/05/18/Farmaci-tossici-miele-propoli-ritirati-mi
 
(by ANSA / 18.05.2012)