Gli appuntamenti di Apitalia Online
Andare, fare, vedere
[Condizioni di accesso ai contenuti di Apitalia Online]
 
 Dal 26/09/2009 al 27/09/2009   Evento concluso 
Tornareccio regina del miele
[Torna all'indice generale
]
  
E’ senza dubbio la più dolce delle tante eccellenze culinarie della nostra regione. E Tornareccio, con una produzione pari alla metà di quella regionale e grazie a una tradizione ormai secolare, ne rappresenta l’indiscussa e storica “capitale”. Sabato 26 e domenica 27 settembre, nell’affascinante scenario del centro storico, torna puntuale “Tornareccio Regina di Miele”, la rassegna dedicata al “nettare degli dei” e ai tanti prodotti tipici del territorio del Medio Sangro. Promosso dal Comune di Tornareccio, socio fondatore del club nazionale Le città del Miele, l’evento è giunto alla sua settima edizione e prevede un cartellone quanto mai ricco, con la partecipazione anche del noto giornalista e presidente del Club di Papillon, Paolo Massobrio.



Cuore della rassegna, organizzata come sempre dall’agenzia Arsnova Comunicazione ed Eventi, sarà ancora una volta il colorato expo al quale prenderanno parte diciannove espositori. A fare la parte del leone, gli stand allestiti con innata fantasia dagli apicoltori locali, dove sarà possibile assaggiare e acquistare le numerose varietà di miele, i ghiotti preparati a base del “nettare degli dei”, i prodotti dell’alveare quali propoli, cera, pappa reale, polline, fino alle interessanti linee cosmetiche, in un tripudio di colori e profumi. Accanto a quelli degli apicoltori, poi, ci saranno gli stand dei produttori di salumi, tartufi, vino, pane, latticini e le tante altre prelibatezze del territorio.

Ma non solo expo. Dopo il successo dell’anno scorso, gli chef dell’Associazione Cuochi Val di Sangro di Villa Santa Maria riproporranno in vari punti dislocati nel percorso espositivo prelibati menu a base di sapori nostrani rivisitati con il dolce profumo del miele. E spazio, poi, anche alla creatività di tutte le appassionate di cucina che sabato pomeriggio vorranno partecipare al concorso “Dolce Massaia”, cimentandosi con la realizzazione di dolci tipici, giudicati infine da una giuria di esperti.

Quanto mai ricco, poi, il cartellone degli eventi che arricchiscono un evento che vuole essere, come sempre, anche il biglietto da visita della ricchezza di un intero territorio: nel corso dei due giorni, così, sarà possibile fare visite guidate nell’area archeologica e naturalistica di Monte Pallano, vedere le mostre di artigianato locale e le dimostrazioni degli antichi mestieri a cura dell’associazione Professione Donna, assistere allo spettacolo dei bambini delle scuole dell’infanzia e primarie del paese sul tema delle api e, novità assoluta di quest’anno, partecipare ai laboratori artistici di mosaico a cura del Gruppo Mosaicisti di Ravenna, lo stesso che da quattro anni realizza le ormai celebri opere musive di “Un Mosaico per Tornareccio”, disseminate sulle facciate delle abitazioni del paese. E non mancherà la musica, con il concerto del coro Contrappunto di Tornareccio e lo spettacolo blues e rock della band CPL di Lanciano.



Particolarmente interessante, infine, si preannuncia il convegno di domenica mattina (ore 10.30), che avrà per tema “Il miele, le api, il lavoro: il biglietto da visita di un intero territorio”: un’occasione per verificare e ipotizzare percorsi di marketing territoriale e promozione turistica legati alle eccellenze culinarie regionali, tra cui inevitabilmente anche il miele di Tornareccio. Al convegno interverranno Paolo Massobrio, da anni impegnato con il suo Club di Papillon, presente in tutta Italia, a riscoprire l’originalità di una cultura popolare attraverso il gusto. Con lui, discuteranno anche Nicola Pallante, sindaco di Tornareccio, Sonia Iezzi, organizzatrice di Tornareccio Regina di Miele, Massimo Di Cintio, giornalista e presidente del Movimento Turismo del Vino, Antonio Di Lello, dirigente scolastico Istituto Alberghiero “G. Marchitelli” di Villa Santa Maria, e Lucio Cavazzoni, del consorzio Conapi Bologna.

A proposito del miele di Tornareccio, dice Paolo Massobrio: “Fin dagli inizi del mio lavoro il miele di Tornareccio figurava nella selezione del mio privilegio. E ne sono orgoglioso, perché è un miele distinto che unisce il favore della natura, e quindi un territorio unico, con il sapere: quello che in gergo enoico viene definito come "terroir". Ora, io credo che il miele di Tornareccio sia una naturale De.Co. (denominazione comunale) e invito il Comune a deliberare l'adozione di questo prodotto identitario censendo una realtà in un dato momento storico. In quanto al consumo del miele sono dell'idea che si debba incominciare a dire che non è un medicinale, è innanzitutto una cosa buona, una delle cose più buone d'Italia. Ed è uno di quei prodotti che alla parola “buono” unisce anche la parola bene, benessere. E per questo, a 360°, è salutare”.

Partner dell’evento sono: Associazione nazionale Città del Miele, Arssa, Regione Abruzzo, Provincia di Chieti, Camera di Commercio di Chieti, Banca di Credito Cooperativo Sangro-Teatina, Gal Maiella Verde, Comunità Montana val di Sangro.
 
(by Apitalia)
 
  Per ulteriori informazioni su questo evento:
Web: http://
 
 
 
 File allegati all'evento
     Nessun file distribuito per questo evento